Mentoplastica

Quando si vuole aumentare la proiezione del mento si può ricorrere alla mentoplastica (chirurgia del mento), che consiste nell’immissione di un impianto composto di silicone solido o da un materiale biocompatibile come il Medpor che permette di dare al mento una forma diversa; al contrario, se si vuole una riduzione del mento è necessario un intervento di chirurgia maxillo facciale.

MentoplasticaCome tutti gli interventi di chirurgia plastica sarà necessaria una visita pre-operatoria dove il chirurgo aiuterà il paziente a stabile le dimensioni e la forma migliore per l’impianto del mento.

L’operazione è relativamente semplice: consiste nell’inserire la protesi mediante un’incisione praticata sul mento; generalmente viene effettuata usando un’anestesia locale e non necessita di ricovero.

Il tempo di recupero varia in base ai pazienti ma mediamente si può tornare alle proprie attitudini quotidiane dopo solo 24 ore; si dovrebbe comunque avere molto accortezza, evitare di guidare visto che si fa uso di farmaci antidolorifici, non fare lavori pesanti e bisogna attendere circa 3 settimane per l’attività sportive. Le reali indicazioni definitive saranno fornite dal proprio chirurgo variando da paziente a paziente.

La convalescenza, dopo la mentoplastica, non sarà eccessivamente dolorosa ma si possono verificare delle sensazioni di tensione nell’area del mento ed è naturale che alcuni movimenti del volto saranno limitati. In caso di forti dolori sarà assolutamente necessario contattare il proprio medico.

Come ogni intervento presenta dei rischi, il più dannoso, è il crearsi di infezioni che potrebbero portare alla rimozione dell’impianto; i costi della mentoplastica possono variare da 2000 euro fino a 3000; è da tenere presente che i prezzi allettanti non sono sempre sinonimo di qualità e professionalità, ma bisogna sempre prestare la massima attenzione.

Lascia un commento